logo

Category : Responsabilità medica

03 Set 2021

Vax o No Vax: che succede se c’è disaccordo tra genitori e figli?

L’apertura della campagna vaccinale anche ai minori di 18 anni solleva spunti di riflessione sui casi di disaccordo in famiglia in merito al vaccino.
Oggi il vaccino anti COVID19 è una facoltà e non un obbligo che risponde in parte a logiche di responsabilità sociale, in parte ad istanze più “egoistiche” (es: l’ottenimento del Green Pass per spostarsi liberamente).
Chi decide se un minore può essere vaccinato?
Se i genitori non sono d’accordo?
E se invece è il minore a voler essere vaccinato contro l’opinione di genitori no vax?

01 Lug 2021

Certificato COVID UE: facciamo il punto

Può ottenere il certificato COVID qualunque cittadino europeo, anche residente fuori dall’Unione, che sia già vaccinato con un siero riconosciuto dall’Ente Europeo del Farmaco, oppure che sia risultato negativo ad un test molecolare o ad un test rapido approvato dalla Commissione Europea, o infine che sia dichiarato guarito dal COVID con una certificazione confermata dall’esecuzione di un test molecolare successivo: si tratta di 3 certificati distinti rilasciati gratuitamente

23 Giu 2021

Danno da vaccino: spetta un indennizzo

Se il singolo accetta una somministrazione facoltativa per il bene comune, l’eventuale danno sarà a carico dello Stato

21 Mag 2021

Volevo essere perfetto e invece sono peggio di prima

In un’epoca che persegue il mito del bello e dell’eterna giovinezza, lo specchio diventa spesso un nemico che costringe ad una lotta estenuante e compulsiva contro l’inestetismo, il difetto, i segni del tempo.

“Volevo essere perfetto e, invece, sono peggio di prima”: questo l’amaro paradosso che può verificarsi in caso di danni da chirurgia estetica.

16 Apr 2021

COVID contratto in Ospedale: quando la struttura ne risponde?

In questo annus horribilis ad aggravare la crisi sanitaria ci sono i numerosi casi di pazienti ricoverati in Ospedale per patologie diverse che hanno contratto il Covid in ambiente ospedaliero a causa delle carenze organizzative della struttura.
In questi casi si ravvisa una responsabilità dell’Ospedale per la mancata adozione delle precauzioni necessarie per scongiurare il rischio di contagio da COVID tra reparti.

01 Feb 2021

COVID nelle RSA: Chi esprime il consenso al vaccino?

E’ finalmente arrivato il vaccino anti COVID: non trattandosi di trattamento sanitario obbligatorio é imprescindibile dare il consenso alla vaccinazione.
Poniamo il caso delle RSA: spesso in queste strutture sono ricoverati pazienti incapaci di intendere e di volere, privi di un legale rappresentante, il cui stato di salute imporrebbe una vaccinazione urgente.
Che si fa in questi casi?

01 Dic 2020

Colpa Medica: risarcimento anche senza reato

In materia penale vale la regola probatoria del “al di là di ogni ragionevole dubbio”, mentre in sede civile basta l’accertamento di una colpa medica “più probabile che non”, cd. “più sì che no”: davanti al giudice civile, insomma, è sufficiente la dimostrazione di una ragionevole probabilità che il danno alla salute sia stato conseguente ad un errore medico, anche senza poterlo dimostrare con certezza

25 Ott 2020

Cause di responsabilità medica: quali sono le condizioni di procedibilità?

Non si può far causa immediatamente all’ospedale o al medico: prima é obbligatorio o tentare una mediazione, oppure richiedere un accertamento tecnico preventivo.
Vediamo quindi in cosa consistono queste due condizioni di procedibilità alternative.

15 Set 2020

consenso ai trattamenti sanitari: se manca informazione dettagliata si risarcisce il danno

come si raccoglie un valido consenso informato così da non rischiare il risarcimento danni?
Innanzitutto il consenso deve essere raccolto per iscritto e
non basta far firmare al paziente un modulo prestampato contenente informazioni generiche: il consenso va dunque raccolto per iscritto previe informazioni dettagliate circa i rischi, gli effetti collaterali e le alternative terapeutiche

24 Ago 2020

Malpractice medica: quali danni risarcibili se il paziente muore

Se un paziente muore per effetto di malpractice medica ci sono diversi danni risarcibili: il danno subito dai congiunti per aver perso un proprio caro, ma anche i danni cd. terminali patiti dal paziente stesso dopo l’errato intervento medico e sofferti fino al momento della morte. Anche il paziente stesso, vittima diretta di malpractice medica, può infatti subire un danno biologico e morale che scaturisce dall’errato intervento sanitario e che si protrae fino al momento del decesso: questo danno, morendo, si trasmette agli eredi.